La nostra storia inizia grazie allo sport, alla condivisione dei sacrifici per raggiungere obbiettivi comuni

Ripercorrendo nella storia le varie fasi che il soggetto disabile ha dovuto affrontare, prima di essere preservato e integrato all’interno delle diverse realtà sociali, ci si può rendere conto di come l’handicap sia stato considerato, comunemente, solo nei termini particolarmente riduttivi della semplice e dolorosa constatazione della sua presenza nella società. 

Talvolta, però, alcune situazioni di handicap sono più un prodotto sociale che non un inevitabile effetto della disabilità, per questo è importante capire che se si ha realmente la volontà di aiutare chi per un motivo o per un altro si trova a vivere in una condizione difficile, non lo si può “tollerare”, come si sopporta una malattia o qualcosa di sgradevole, ma bisogna accettarlo pienamente con i suoi problemi e il suo bisogno di solidarietà. 

Nonostante siano stati fatti enormi passi avanti a livello sociale, culturale, legislativo, le perplessità e le paure dei genitori che quotidianamente si scontrano con le difficoltà dei propri figli disabili, purtroppo, si accentuano incessantemente dinnanzi al dilemma di come sarà la loro vita nel momento in cui non potranno più aiutarli in prima persona. 

Per questo motivo, nel 2007, grazie allo spirito collaborativo e solidale di un gruppo di genitori di ragazzi portatori di handicap e il sostegno di alcuni volontari, è nata a Caselle Torinese la Stella Polare. Si tratta di una cooperativa sociale che si propone come punto di riferimento per tutte le persone con disabilità di qualsiasi età, cercando, nell’ambito dei servizi socio- assistenziali ed educativi, di creare attività idonee a rimuovere gli ostacoli che impediscono una piena osmosi fra il mondo normodotato e quello diversamente abile. 

L’intero operato della cooperativa sociale è stato da sempre orientato allo sviluppo e al miglioramento della qualità della vita delle persone disabili, cercando di favorire quanto più possibile l’acquisizione di abilità e di capacità affettivo- relazionali al fine di potenziare la realizzazione personale e l’inserimento sociale. Nel 2012 la Cooperativa “La Stella Polare” si è trasformata in Associazione “La Stella Polare- Onlus”: la trasformazione giuridica ha solo rafforzato maggiormente gli ideali di solidarietà e fratellanza.

L’obiettivo che l’associazione si propone, è quello di aiutare queste persone per tutto il ciclo della vita, soprattutto quello dell’età adulta e anziana che non sempre vedono il dispiegarsi di servizi e supporti adeguati alle necessità che si presentano. 

Dal 2007 ad oggi, la Stella Polare, grazie alla preziosa collaborazione del Comune di Caselle Torinese, ha organizzato molteplici attività socio- ricreative, che hanno ottenuto una numerosa partecipazione di ragazzi diversamente abili, loro famigliari e terzi normodotati. In particolare, sono stati organizzati dei corsi d’informatica di base: questa importante iniziativa oltre ad offrire la possibilità di apprendere le conoscenze elementari dell’utilizzo del computer, ha dato anche la possibilità a molti ragazzi disabili di impegnarsi in un’attività che li sollecita sia a livello intellettivo sia a livello relazionale e sociale. 

A testimonianza di una singolare collaborazione e integrazione sociale si presenta anche l’organizzazione di corsi di ballo per normodotati. 

In collaborazione con l’Informa Giovani di Caselle Torinese, sono stati realizzati degli incontri con le scuole cittadine, al fine di sensibilizzare sin da piccoli gli studenti alla realtà dell’handicap. Sono stati coinvolti i bambini delle scuole elementari, i quali con i loro disegni hanno dato modo di comprendere come la disabilità sia vista con i loro occhi. 

Consapevoli dell’enorme potere educativo e di aggregazione sociale posseduto dallo sport in generale, la Stella Polare si è impegnata in numerose manifestazioni sportive. L’impegno a far scaturire nei ragazzi con handicap la voglia di dare il meglio, la curiosità di apprendere, il desiderio e la capacità di fare da soli per non sentirsi soli, ha consentito di giungere con successo alla settima edizione “A ruota libera senza barriere”. In questa manifestazione, che ha riscontrato un notevole favore da parte della comunità cittadina, si sono succedute numerose discipline sportive (tra le quali euro bike, basket, basket in carrozzina, judo per normodotati, ballo in carrozzina). Il successo più grande è stato l’esempio che ha dato questa giornata: un’occasione d’incontro tra il disabile e il normodotato e la necessità che lo sport per disabili non venga ghettizzato. 

In altre occasioni, l’associazione ha partecipato attivamente dando il suo contributo per la realizzazione più compiuta d’iniziative importanti. Nell’ambito della Notte Bianca di Caselle Torinese, ha organizzato una serie di aree gioco in cui la disabilità e la normalità si sono incontrate in attività divertenti e avvincenti. 

Una notte simbolo in cui la diversità ha lasciato il posto alla solidarietà e alla fratellanza. 

 In questi anni la Stella Polare ha voluto rappresentare uno strumento valido per produrre servizi che favoriscano una condizione di vita migliore, più serena e che rispondano in maniera adeguata ai diversi bisogni, non solo delle persone portatrici di handicap ma di tutta la comunità. Nel 2011 grazie al Progetto “Reciproca solidarietà e lavoro accessorio” finanziato dalla Compagnia San Paolo di Torino, in collaborazione con il Comune di Caselle T.se, la Stella Polare ha dato vita ad una guida “Disabile? Chi io?”,nella quale è visibile l’impegno e la dedizione che i ragazzi dell’ Associazione “La Stella Polare” hanno dimostrato nella realizzazione di questo progetto.

Affinché gli intenti dell’Associazione possano essere raggiunti nella sua totalità, la nostra associazione vorrebbe dare vita ad un nuovo importante progetto: la creazione a Caselle Torinese di un Centro di Aggregazione Sociale, con la finalità di accogliere le persone disabili, anziani e normodotati, in un contesto familiare e culturale in cui incontrarsi, raccontarsi, confrontarsi e conoscerti. 

Il futuro locale, che dovrà ospitare il nuovo centro, è stato gratuitamente messo a disposizione da parte di un membro della cooperativa: è stato già approvato dal comune di Caselle Torinese il progetto di ristrutturazione ed è già stato compiuto un preventivo di spesa. L’intento è quello di realizzare uno spazio facilmente raggiungibile con l’uso di mezzi pubblici, privo di barriere architettoniche, arredato con mobilia, attrezzature e ausili idonei alla tipologia e al numero degli utenti ospiti. I costi per raggiungere questo importante traguardo, purtroppo, sono altissimi: per questo la cooperativa cerca dei partner per realizzare il progetto di rifacimento e adeguamento dei locali. 

Le attività che saranno promosse all’apertura del nuovo Centro di Aggregazione saranno adeguate agli interessi, alle capacità e alle competenze dei partecipanti. La Stella Polare, infatti, si vuole rivolgere ad una utenza indifferenziata, pur promuovendo la partecipazione e il coinvolgimento attivo di persone diversamente abili. 

Tra le iniziative che sono state proposte in queste nostro percorso: 

  • CENTRO SOCIO- RICREATIVO PER DISABILI E MENO ABBIENTI 
  • CUSTODIA TEMPORANEA DI PERSONE DISABILI 

  • ATTIVITÁ DI FORMAZIONE 
  • SUPPORTO SCOLASTICO 
  • AZIONI CULTURALI E RICREATIVE 
  • ATTIVITÁ SPORTIVE 
  • CENTRO GIOCHI EDUCATIVI E RIABILITATIVI
  • INFORMAZIONE E CONSULENZA HANDICAP 
  • ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI ED EVENTI 
  • VERSO L’AUTONOMIA

Per lo sviluppo di progetti extraterritoriali cerchiamo il sostegno di chi condivide il nostro spirito, e siamo pronti ad attivare relazioni di collaborazione con le realtà cooperative locali. 

Un punto dolente è rappresentato, purtroppo, dalla mancanza di sufficienti fondi: Vi chiediamo di credere nella Stella Polare, con il vostro aiuto e il vostro sostegno siamo sicuri di riuscire pienamente nei nostri obiettivi.

Ci consideriamo una grande famiglia, aperta ad accogliere tutti coloro che desiderano portare nuove idee di sviluppo per la nostra crescita e che credano nell’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale di tutti i suoi membri. 

Sicuri del Vostro sostegno per una associazione sociale sempre più utile e forte nei suoi principi, Vi ringraziamo sin d’ora per la Vostra attenzione e il riscontro che vorrete concedere; vi aspettiamo!!!