cos’è il 5×1000?

è una quota percentuale dell’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) che lo Stato Italiano ripartisce tra enti di ricerca scientifica, organizzazioni no profit ed enti del Terzo Settore che in generale svolgono attività socialmente rilevanti.

Puoi destinare la quota del 5×1000 firmando nell’apposito riquadro che figura sui modelli di dichiarazione.

I contribuenti che non devono presentare la dichiarazione possono scegliere di destinare il cinque per mille dell’IRPEF utilizzando l’apposita scheda allegata allo schema di Certificazione Unica (CU) o al Modello REDDITI Persone Fisiche.

Il Modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico) deve essere presentato:

  • se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale;

  • se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente o se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati.

A chi si può destinare il 5×1000?

  • Enti di volontariato e ONLUS, come La Stella Polare

  • Ricerca scientifica ed universitaria

  • Ricerca sanitaria

  • Politiche sociali perseguite dai Comuni

  • Attività sportive a carattere dilettantistico

  • Attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici.

Cosa fare per destinare il 5×1000 a una di queste realtà?

Per destinare il proprio 5×1000 è necessario porre la propria firma nel riquadro che figura sui modelli di dichiarazione e scrivere il codice fiscale della specifica associazione o ente scelto.

Ad esempio, se scegli di devolvere il tuo 5×1000 a La Stella Polare onlus di Caselle T.se, dovrai firmare il riquadro che riporta la dicitura “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale…” e scrivere il nostro codice fiscale 92046390016.

Ricorda: se non inserisci la firma, verserai ugualmente il tuo 5×1000 ma la quota rimarrà allo Stato.

Quali sono gli obblighi dell’ente che riceve i fondi del 5×1000?

Tutti i soggetti beneficiari del 5×1000 sono tenuti a dimostrare, in modo chiaro e dettagliato, l’impiego delle somme percepite redigendo un apposito rendiconto ed una relazione illustrativa attraverso i quali i soggetti destinatari del contributo dimostrano l’utilizzo delle risorse ricevute entro 1 anno dalla loro percezione.

5×1000, 8×1000, 2×1000: quali sono le differenze?

In tutti e tre i casi si tratta di percentuali dell’IRPEF che il contribuente ha la possibilità di destinare ed è importante sapere che non si escludono.

Lo scopo dell’8×1000 è di offrire sostegno alla Chiesa di culto (confessioni e credo religiosi) e per devolverlo basta una firma nell’apposita sezione.

Il 2×1000 è invece destinato al sostegno di partiti politici.

Ancora una volta è importante ricordare che le scelte non sono in alcun modo alternative tra loro e possono essere tutte espresse, senza determinare maggiori imposte dovute.

Non importa a quanto ammonta il tuo reddito, il tuo 5×1000 può comunque fare la differenza per tante realtà associative non lucrative che si impegnano, come la nostra, sul territorio per il territorio.

Basta una firma e il nostro codice fiscale 92046390016

 

WhatsApp chat